"Ogni cosa era piu' sua che di ogni altro perchè la terra, l'aria, l'acqua non hanno padroni ma sono di tutti gli uomini, o meglio di chi sa farsi terra, aria, acqua e sentirsi parte di tutto il creato." (Mario Rigoni Stern)

mercoledì 10 gennaio 2018

IL CRIF RISPETTA LA LEGGE, MA DIFFIDA...

Ricevo dopo varie settimane questa comunicazione diffida dallo studio BAREL che è stato incaricato dal CRIF (che non è come pensavo io il Consorzio dei Crediti), ma il CONSORZIO REGIMAZIONE IDRAULICA FIUMI, che si è sentito chiamato in causa perchè è stato affermato che sul Piave c'è uno stretto connubio tra scavi e problemi del fiume con profondità abnormi....

Legambiente Piavenire da anni denuncia che è sostanzialmente sparita la grava di Papadopoli..

Il CRIF ci tiene a farmi sapere che rispetta la legge.
Non l'ho mai messo in dubbio perchè se avessi una prova provata saremmo già andati a denunciare l'eventuale reato e non è scluso che venga fatto.

In ogni caso verificherò la profondità nella zona che mi è stata segnalata con barca degli amici pescatori e poi trarremo delle dovute  conclusioni.
Restiamo convinti che gli scavi fatti in un certo modo (in alveo) contribuiscono a fare del Piave un grande torrente (quando c'è acqua) oppure un deserto (quando non c'è acqua) e questo è un problema....

Prendo atto che il CRIF è Consorzio per la Regimazione Idraulica dei Fium e che coincide con la parola "cavatori".Da appuntare nel dizionario dei sinonimi.





domenica 7 gennaio 2018

PONTE PRIULA: PERCHE' I LAVORI SONO FERMI?

Per rispondere a molte domande e per farne altrettante ci troviamo in quel di Susegana, dove erano previsti sfraceli se non si sbloccavano i lavori del Ponte, che sarebbe un monumento ma secondo la Sindaca dovrebbe cadere da un momento all'altro....

Anche la Soprintendenza ci mette del suo per fare pasticci e quindi commenteremo la replica dell'arch. Alberti alle nostre perplessità..

Perchè i lavori non ripartono?

Perchè il ponte non è ancora crollato?

Perchè si fanno sempre le cose un po' alla c...?

Sarebbe bello anche sapere se qualcuno risponderà del fatto che le procedure erano un pò "ballerine"... E pensare che sono tutti favorevoli a fare, ma si sono ingarbuglieti nelle pastoie che si sono creati da soli.
Altro che AUTONOMIA, qui ci vorrebbe solo un pò di chiarezzae buon senso, ma preferiscono tacere.

Il popolo veneto borbotta ed al massimo va.... ai saldi.

CONSUMO DI SUOLO "ZERO": UN SOGNO? CERTO... SERVE UN "PIANO ATTILA"

La Regone Veneto ha approvato un regolamento per diminuire il consumo di suolo o MEGLIO per far finta di ottemperare alle direttive UE visto che la Legge Regionale è un coacervo di DEROGHE e DEFINIZIONI da MAGO Zurlì, che salva il cosidetto "consolidato" come se fosse già edificato.

Il PIANO CASA verrà messo a regime perchè la DEROGA è la base dell'urbanistica veneta senza capire che questo marasma blocca il vero svuluppo che dovrebbe partire da un grande PIANO DI DEMOLIZIONE, che si attua solo tassando ciò che è stato costruito in modo poco avveduto da chi ha voluto sfruttare i bonus tremontani (do you remember?)

SERVE UN PIANO ATTILA

 

martedì 2 gennaio 2018

EPIFANIA DELLA TERRA

Sabato 6 gennaio è la festività dell'EPIFANIA cioè della "scoperta" che celebra l'Adorazione dei Magi per un migrante d'epoca, tale Gesù di Nazareth.

Noi ci troveremo in località Tezzon a Castelgomberto nel vicentino in prossimità di quel torrente Poscola che si è "ribellato" alla violenza di chi vuole a tutti i costi scavare un tunnel per un'opera tanto grande quanto inutile e costosa.

Sarà un incontro promosso dai Beati Costruttori di Pace con il COVEPA dove si parlerà di PACE ed ECOLOGIA perchè non ci può essere TERRA, non ci può essere CASA, non ci può essere LAVORO se non abbiamo PACE e se ditruggiamo il pianeta.
Sono temi così importanti che i popoli e le loro organizzazioni di base non possono non affrontare.
Sono temi che non possono restare solo nelle  mani dei dirigenti politici.

Tutti i popoli della Terra, tutti gli uomini e le donne di buona volontà,  
TUTTI DOBBIAMO ALZARE LA VOCE 
in difesa di questi due preziosi doni: 
la PACE e la NATURA.
La sorella Madre Terra, come la chiamava San Francesco D'Assisi.

Per questo anche noi di ITALIA NOSTRA con molti altri (e anche con Voi) saremo lì ad "alzare la nostra voce" per diventare maggioranza non silenziosa.
BUON 2018 RESILIENTE A TUTTI, CI VEDIAMO A CASTELGOMBERTO
.
.

giovedì 23 novembre 2017

CHISSA' SE CANTONE ACQUISTA I BOND DI SIS??


CHI CONTROLLA IL BOITE E SOPRATTUTTO DOVE??

Sulla questione del torrente Boite abbiamo ricevuto una cortese, ma pilatesca, risposta dalla Provincia di Belluno che ha preso atto che ENEL PRODUZIONE SpA "ha tutte le autorizzazioni"...

Il monitoraggio lo hanno fatto sul Piave a Perarolo (!!) mentre la nostra denuncia è per la situazione del Boite cioè per un tratto di 8 chilometi che è stato asfaltato dai fanghi della diga di Valle di Cadore...

CONTINUIAMO A CHIEDERE PER CAPIRE SE FARE DANNO AD UN TORRENTE SIGNIFICA SOLO UCCIDERE I PESCI...


mercoledì 22 novembre 2017

PONTE PRIULA: SUSEGANA SA TUTTO E NON VUOLE CONFRONTI

Egr. Sig. Sindaco di SUSEGANA
prendiamo atto che non intende avere un confronto sulla questione dei lavori del Ponte della Priula e ce ne rammarichiamo perchè poteva essere l'occasione per parlare in modo costruttivo al di là degli slogan o degli aut-aut.

In un articolo del 22 novembre del Gazzettino apprendiamo che il Comune di Susegana ha presentato 4 pagine di osservazioni al progetto e con la presente facciamo richiesta di accesso atti per poter avere copia di tali osservazioni e delle eventuali risposte di ANAS o delle Regione Veneto.

Se i Comuni della zona avessero fatto maggior informazione e propaganda su questo progetto, si sareebro potute unire le forze o avvisare ANAS che la zona del Piave è tutelata a livello archeologico ed ambientale, cosa che pare non essere nota né alla Regione Veneto, né all'ANAS..

Si attende riscontro per la richiesta di accesso agli atti e si porgono distinti saluti